sabato 15 dicembre 2012

Armi si, armi no? NO

Il fatto di cronaca dell'altro giorno ha riportato alla luce un problema che gli americani fingono di ignorare, ovvero quel diritto, sancito dal II Emendamento della loro carta costituzionale, che li autorizza a detenere delle armi per difesa personale.
La troppa facilità con cui si maneggiano armi, con disinvoltura e sufficienza, porta a casi limite cone quello di Newtown, che peraltro è solo l'ultimo di una lunghissima serie approfondimento qui
Però da questa immagina che pubblico, si vede chiaramente che il problema è ben più grande 
Se poi si vanno a leggere le deliranti affermazioni della "lobby" delle armi viene altro di che scandalizzarsi.
Che le armi siano un buon affare per chi le produce e chi le vende non è una novità , approfondimento qui, mi domando piuttosto se Obama, invece di commuoversi in Tv ,non si decida piuttosto a scrivere la parola basta su questo che secondo me è uno scandalo, tollerato dall'opinione comune (sempre che una consistente parte , non ne sia ancora convinta della sua utilità)
Ci vuole troppo a cancellare il II emendamento? Quanti morti ancora?

La prima di Lohengrin, dietro le quinte dell'addobbo floreale

Qui di seguito pubblico le bellissime foto che Viola Cadice ha scattato presso i Laboratori del Teatro alla Scala di Milano, durante i lavori di allestimento floreale del teatro, in occasione della Prima di Lohengrin.
Da molti anni i fioristi di Milano, preparano le decorazioni floreali della sala del Piermarini ed è un regalo che fanno alla loro città.
Gente come me aiuta a dar man forte  nello svolgimento di questo impegnativo lavoro che si svolge a sera tarda, nei giorni precedento la messa in scena.
Qui, nel reportage, un bellissimo dietro le quinte.




Inoltre un bel servizio è stato realizzato da Gardenia sul numero di gennaio 2013





lunedì 3 dicembre 2012

Il Trio

Ogni tanto mi torna in mente (e vado puntualmente a rivedermi) qualcuno di questi spezzoni, che fra l'altro sono fra i miei preferiti.
Il Trio, Anna Marchesini, Massimo Lopez e Tullio Solenghi, per me rappresentano il ricordo di una televisione di Valore che ora non c'è più, trascinata nella volgarità e nel grossolano da cabarettisti più o meno mediocri.
Loro invece incarnano il talento e la sottile ironia, provate ad immaginare una qualsiasi cabarettista di oggi, immedesimarsi nel ruolo della sessussssssuoooologa così ben interpretata dalla Marchesini,una "mission  impossible".
Chapeau !


Sanità insostenibile?

Più il tempo passa e più peggiora la mia opinione sul Professore e l'operato del Suo Direttorio.
L'ultima uscita (infelice) in ordine di tempo riguarda il sistema sanitario italiano, che , manco a dirlo, sarebbe insostenibile.
Che sia ulteriormente razionalizzabile eliminando gli sprechi è quantomeno ovvio, ma certo che se analizziamo questi due grafici, ci rendiamo conto che le cose nel nostro paese non vanno poi così male, se confrontate con il resto dei paesi industrializzati.
Interessante fra l'altro il confronto con il sistema USA che secondo me (ed anche secondo altri) rimane sempre discutibile nella sua efficacia.
Questo grafico mostra la spesa pubblica (in azzurro scuro) e privata (in azzurro chiaro) pro capite nell’anno 2009 nei paesi OCSE, in dollari USA a parità di potere d’acquisto.
In quello seguente invece vediamo, che anche in base alla spesa pubblica, l'Italia non è assolutamente fuori dalla media

Implicitamente quindi, il Professore ci sta comunicando forse, che sta per abbattere la scure anche sulla sanità, andando come al solito a penalizzare i cittadini, peraltro continuando, in modo imperterrito, a consolidare i privilegi della "Casta" e senza rimandare le spese poco utili (vedi F35, Tav ecc) di cui avevo già espresso un giudizio a suo tempo
Per chi vole togliersi lo sfizio di approfondire consiglio questa lettura

martedì 20 novembre 2012

giovedì 1 novembre 2012

La creazione


Haydn – Die Schöpfung (La Creazione)

Franz Joseph Haydn – “Die Schöpfung” (La Creazione),è un oratorio in tre parti per soprano, tenore, baritono, coro e orchestra, basato sul testo di Gottfried van Swieten, “Die Schöpfung”

E' senza ombra di dubbio una delle opere più importanti di Haydn, la prima esecuzione ha avuto luogo il 30 aprile 1798, a Vienna, con lo stesso Haydn alla direzione e Antonio Salieri al clavicembalo.

La partitura, frutto di più di un anno di intenso lavoro e divisa in tre sezioni, segue fedelmente il racconto biblico della Genesi solo nelle prime due parti. L’esecuzione è affidata a un’orchestra, enorme per quei tempi, di 120 strumentisti, un coro di 60 elementi e tre solisti; gli arcangeli Gabriele, Uriel e Raffale sono presenti nelle prime due sezioni, mentre nella terza, il basso e il soprano indossano i panni di Adamo ed Eva. 

Pur non essendo un cultore della musica barocca , ogni volta che l'ascolto rimango affascinato dalla bellissima introduzione, dove l'autore ha ricreato il caos con un armonia di note che sembrano a tratti "sparse" e che poi si riuniscono a costituire "l'ordine", da lì in poi, inizia la narrazione vera e propria a cura di Raffaele che viene poi seguita da tutto il coro e dall'orchestra.

La partitura è ricchissima di particolari ed il coro gioca un ruolo importantissimo e monumentale nella narrazione legata dai vari recitativi.

L'ora di ascolto se ne vola via leggera come una piuma che accarezza e solletica, e ci porta alla serenità delle Paradiso Terrestre che costituisce la terza sezione.

Insomma, bellissima e tutta da ascoltare. . .un brivido unico



'A livella




Antonio de Curtis
'A livella1
(Originale in dialetto napoletano, 1953/64)

Ogn'anno, il due novembre, c'è l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn'anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio
(Madonna!) si ce penzo, che paura!
ma po' facette un'anema e curaggio.

'O fatto è chisto, statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del '31".

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele, cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e 'stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore;
pe' segno, sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo 'stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i 'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura... nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto, che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato... dormo, o è fantasia?

Ate che fantasia; era 'o Marchese:
c'o' tubbo, 'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'na scopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo... calmo calmo,
dicette a don Gennaro: "Giovanotto!

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va, sì, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, sì, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari, tra la vostra gente".

"Signor Marchese, nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo, obbj'... 'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé... piglia 'sta violenza...
'A verità, Marché, mme so' scucciato
'e te senti; e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...

Ma chi te cride d'essere... nu ddio?
Ccà dinto, 'o vvuo capi, ca simmo eguale?...
...Muorto si' tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato è tale e qquale".

"Lurido porco!... Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua' Natale... Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo... 'int'a cervella
che staje malato ancora È fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?... è una livella.

'Nu rre, 'nu maggistrato, 'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,  stamme a ssenti... nun fa' 'o restivo,
suppuorteme vicino - che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie... appartenimmo â morte!".
La livella
(Traduzione in italiano, 1953/64)

Ogni anno, il due novembre, c'è l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno deve fare questa gentilezza;
ognuno deve avere questo pensiero.

Ogni anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo di zia Vincenza.

Quest'anno m'è capitata un'avventura ...
dopo aver compiuto il triste omaggio
(Madonna!) se ci penso, che paura!
ma poi mi diedi anima e coraggio.

Il fatto è questo, statemi a sentire:
si avvicinava l'ora di chiusura:
io, piano piano, stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del '31".

Lo stemma con la corona sopra a tutto ...
...sotto una croce fatta di lampadine;
tre mazzi di rose con una lista di lutto:
candele, candelotte e sei lumini.

Proprio accanto alla tomba di questo signore
c’era un'altra tomba piccolina,
abbandonata, senza nemmeno un fiore;
per segno, solamente una piccola croce.

E sopra la croce appena si leggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardandola, che pena mi faceva
questo morto senza neanche un lumino!

Questa è la vita! tra me  e  me pensavo...
chi ha avuto tanto e chi non ha niente!
Questo pover'uomo s'aspettava
che anche all’altro mondo era pezzente?

Mentre rimuginavo questo pensiero,
s'era già fatta quasi mezzanotte,
e rimasi chiuso prigioniero,
morto di paura... davanti alle candele.

Tutto a un tratto, che vedo da lontano?
Due ombre avvicinarsi dalla mia parte...
Pensai: questo fatto a me mi pare strano...
Sono sveglio...dormo, o è fantasia?

Altro che fantasia! Era il Marchese:
con la tuba, la caramella e il pastrano;
quell’altro dietro a lui un brutto arnese;
tutto fetente e con una scopa in mano.

E quello certamente è don Gennaro...
il morto poverello... il netturbino.
In questo fatto non ci vedo chiaro:
sono morti e si ritirano a quest’ora?

Potevano starmi quasi a un palmo,
quando il Marchese si fermò di botto,
si gira e piano piano... calmo calmo,
disse a don Gennaro: "Giovanotto!

Da Voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va, sì, rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava, sì, inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente".

"Signor Marchese, non è colpa mia,
io non vi avrei fatto questo torto;
mia moglie è stata a fare questa fesseria,
io che potevo fare se ero morto?

Se fossi vivo vi farei contento,
prenderei la cassa con dentro le quattr'ossa
e proprio adesso, in questo stesso istante
entrerei dentro a un'altra fossa".

"E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Fammi vedere! prendi 'sta violenza...
La verità, Marchese, mi sono stufato
di ascoltarti; e se perdo la pazienza,
mi dimentico che son morto e son mazzate!

Ma chi ti credi d'essere...un dio?
Qua dentro, vuoi capirlo che siamo uguali?...
...Morto sei tu , e morto son pure io;
ognuno come a un altro è tale e quale".

"Lurido porco!... Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Ma quale Natale, Pasqua e Epifania!!!
Te lo vuoi ficcare in testa... nel cervello
che sei ancora malato di fantasia?...
La morte sai cos’è?... è una livella.

Un re, un magistrato, un grand’uomo,
passando questo cancello, ha fatto il punto
che ha perso tutto, la vita e pure il nome:
non ti sei fatto ancora questo conto?

Perciò, stammi a sentire... non fare il restio,
sopportami vicino - he t'importa?
Queste pagliacciate le fanno solo i vivi:
noi siamo seri… apparteniamo alla morte!"



mercoledì 31 ottobre 2012

Riordino Provincie

Con riferimento alla procedura di riordino delle Amministrazioni Provinciali, avviata dal d.l. 95 del 7 luglio 2012,  il Consiglio dei Ministri riunito questa mattina ha approvato il decreto legge di riforma. Per le sole Regioni a statuto ordinario è prevista la riduzione dalle attuali 86 a 51 Province (comprese le 10 Città Metropolitane). Secondo il provvedimento varato dal Governo la Lombardia si riorganizza in sette province: Milano-Monza-Brianza; Varese-Como-Lecco; Sondrio; Bergamo; Brescia; Mantova-Cremona-Lodi; Pavia. I Ministri dell’Interno e della Funzione Pubblica hanno annunciato nel corso di una conferenza stampa che la riforma sarà a regime a partire dal 1° gennaio 2014. Nel frattempo, già a partire dal prossimo 1° gennaio 2013 tutte le Giunte provinciali saranno soppresse con contestuale possibilità per il Presidente di delegare l’esercizio di funzioni a non più di 3 Consiglieri provinciali. Tale ridisegno non tiene conto né dell’ipotesi di riordino formulata dal Consiglio delle Autonomie Locali della Lombardia lo scorso 2 ottobre, né di quanto deliberato il 22 ottobre dalla Giunta Regionale, che aveva avanzato al Governo la richiesta di mantenere immutato l’assetto vigente.
Vedremo con questo riassetto chi ci guadagnerà . . .i cittadini?  ....le Imprese? ...  o forse lo Stato?

E comunque, al di là di tutto,  secondo me questo riordino è incostituzionale, in quanto il Governo non sta tenendo conto delle indicazioni delle autorità locali come invece stabilito da questo articolo della costituzione:
Art. 133.
Il mutamento delle circoscrizioni provinciali e la istituzione di nuove Province nell'ambito di una Regione sono stabiliti con leggi della Repubblica, su iniziative dei Comuni, sentita la stessa Regione.
La Regione, sentite le popolazioni interessate, può con sue leggi istituire nel proprio territorio nuovi comuni e modificare le loro circoscrizioni e denominazioni.

martedì 16 ottobre 2012

Milàn l'è un gran Milàn


Cliccando sulle foto vedrete una bellissima galleria fotografica con una Milano di altri tempi.


I Bagni di Diana, 1906 Kursaal & Hotel Diana Corso Venezia, 1905 circa- da sinistra, i Palazzi Silvestri, Fontana e Arese viale Vittorio Veneto chiamato precedentemente viale Venezia Viale Piave nell'agosto 1943 dopo uno dei bombardamenti, con la gente che scappa via da Milano con ogni mezzo. Salone di palazzo Bolagnos Visconti durante un ballo dei primi del '900 Giardini Pubblici noleggio automobiline anni 50 il viadotto di corso Buenos Aires abbattuto nel 1934 Sant'Ambrogio nel '43 dopo i bombardamenti



A disen la cansun la nass a Napoli,
e certamen g'han minga tutti i tort.
Surriento, Margellina tutt'i popoli
i avran cantà almé un milliun de volt.
Mi speri che se offenderà nissun
se parlom un cicin anca de num.
O mia bela Madunina, che te brillet de luntan,
tuta d'ora e picinina, ti te dominet Milan.
Sota a ti se viv la vita, se sta mai cui man in man.
Canten tutt "luntan de Napoli se moeur",
ma po' i vegnen chi a Milan.
Ades ghè la cansun de Roma magica,
de Nina, er Cupolone e Rugantin;
se sbaten in del Tever, roba tragica,
esageren, me par, un cicinin.
Sperem che vegna minga la mania
de metes a cantà "Malano mia".
O mia bela Madunina, che te brillet de luntan,
tuta d'ora e picinina, ti te dominet Milan.
Si vegnì sensa paura, num ves lungarem la man.
Tutt el mond a l'è paes, e semm d'accord,
ma Milan, l'è on gran Milan

Oh mia bela Madunina  è una canzone composta in parole e musica da Giovanni D'Anzi nel 1935.

domenica 14 ottobre 2012

il lancio di Felix Baumgartner

Guarda il formidabile lancio di Baumgartner, un uomo che, per dirla come gli atleti, ha spostato in su l'asticella di parecchio.
L'uomo è ancora padrone sulla tecnologia, perché se è vero che era scientificamente possibile questa impresa, trovare un pazzo con degli attributi così era qualcosa in apparenza impossibile. Quello che ha fatto è importantissimo perché rimette l'uomo al centro delle dinamiche: negli ultimi decenni specie nelle imprese aerospaziali, la parte dominante degli esperimenti era data dal mezzo con cui veniva compiuta. Anche nel quotidiano ci accorgiamo spesso che la tecnologia supera e domina le attività degli esseri umani. vinci se il mezzo che ti supporta è vincente. Qui l'uomo torna ad essere al centro dell'attenzione e si riequilibra un trend che dava automaticamente le "macchine" come vincenti. Anche per questo Baumgartner è un grande. Se poi avessi un centesimo dei suoi "attributi" sarei un uomo felice :-))
Bravo Felix. Stima immensa!








coppa auto storiche mxp nord Le foto

Eccellente risultato per questa prima edizione , nonostante le non buone condizioni meteo.

Da coppa auto storiche mxp nord

Cliccare sull'immagine per accedere alla Gallery

Da coppa auto storiche mxp nord

sabato 13 ottobre 2012

Prasomaso

Cliccando sulle immagini si accede alla fotogallery di Prasomaso


Prasomaso


Prasomaso

Lo sci e la libertà

Sciare mi rende felice, anche per Josh Dueck è così.


La storia del video, è quella di Josh Dueck, un professional freeskier che dopo un errore su un salto è rimasto paralizzato dalla cintola in giù.
Josh non si è perso d’animo, con la convinzione che “skiing is everything, Skiing is freedom” ed è tornato a fare quello per cui secondo Josh vale la pena di vivere.


mercoledì 10 ottobre 2012

Furioso Orlando




Dirò d’Orlando in un medesimo tratto
cosa non detta in prosa mai, né in rima:
che per amor venne in furore e matto,
d’uom che sì saggio era stimato prima;
se da colei che tal quasi m’ha fatto,
che ’l poco ingegno ad or ad or mi lima,
me ne sarà però tanto concesso,
che mi basti a finir quanto ho promesso.



Interessante rilettura dell'opera di Ludovico Ariosto, quella che ho visto ieri sera in scena interpretata da Stefano Accorsi.
Sicuramente atipica, non certo struggente, ma nel contempo originale. Accorsi è brillante, ha una bella voce e una bella presenza, ma secondo me non ha ancora fra i suoi atout, una maturità che non deve necessariamente essere anagrafica.
Brava la sua compagna di scena, versatile e poliedrica ma con un accento francese talmente forte ed ancor più fortemente accentuato, da risultare oltremodo fastidioso all'ascolto.
Un opera in versi dovrebbe suonare nella recitazione, in modo quasi musicale, invece con questi inframmezzi femminili in italiano stentato, diventa stridente come lo sferragliare di  un tram sulle rotaie.
Unica nota stonata di uno spettacolo pur sempre gradevole nel suo insieme, che ha il pregio di rinnovare nelle nostre memorie, i bellissimi versi dell'Ariosto.



Era come un liquor suttile e molle,
atto a esalar, se non si tien ben chiuso;
e si vedea raccolto in varie ampolle,
qual più, qual men capace, atte a quell’uso.
Quella è maggior di tutte, in che del folle
signor d’Anglante era il gran senno infuso;
e fu da l’altre conosciuta, quando
avea scritto di fuor: Senno d’Orlando.




Orticolario 2012



A spasso per l'ultima splendida edizione di Orticolario, svoltasi domenica 7/10/2012
Splendido video dell'amico Walter Bassani

giovedì 4 ottobre 2012

Il Vangelo secondo Gesù Cristo

Uno dei miei libri preferiti è sicuramente  "Il Vangelo secondo Gesù Cristo" di Jose Saramago, Nobel 1998.

Si può essere credenti o non credenti, certo è che il Gesù che ne scaturisce, è davvero tanto simile a noi con i nostri pregi e le nostre debolezze; mi risulta tanto tanto più simpatico e vicino di quanto non ce lo racconti la Bibbia, il fatto poi che il libro sia un romanzo poco importa, un ateo potrebbe ribattere che anche la Bibbia potrebbe esserlo.

José Saramago 2Forse, se fosse stato ancora vivo, lo scrittore portoghese avrebbe ripetuto le parole che pronunciò sul brasiliano “O Globo” dopo l’ennesimo attacco della Santa Sede al suo Vangelo: «Il Vaticano non deve pronunciarsi sui meriti letterari di chicchessia. Io non appartengo alla Chiesa, non sono credente, il mio lavoro è il mio lavoro. Ci sono molte cose delle quali il Vaticano dovrebbe preoccuparsi. Cose per le quali potrebbe avere un’azione benefica, e invece non ne ha nessuna». E specificò di non criticare il credo o la fede, ma «l’amministrazione della fede». 

“Il Vangelo secondo Gesù Cristo” – definito a suo tempo dalla rivista del gesuiti “Civiltà cattolica” un libro kitsch – partiva dall’assunto dell’inesistenza di Dio e che «la sua invenzione» fosse parte «della follia umana, quella follia che nel mondo aumenta ogni giorno e fa dell’uomo l’unico essere irrazionale della terra, l’unico che usa la ragione per fare il lavoro della morte». «La storia della religione – spiegò lo scrittore motivando il libro – è una storia di sofferenza e anche se si parla di Dio per il suo amore e la sua misericordia, nel suo nome gli uomini hanno negato ogni amore e compassione: questo volevo raccontare nel “Vangelo secondo Gesù”», e se tutto quello che non ripete il dogma dei cattolici è una bestemmia, allora questo libro è senza dubbio blasfemo». 

Il libro, liberamente ispirato alla sua vita, descriveva Cristo come un uomo sensibile pieno di debolezze – tra le quali l’attrazione carnale per Maria Maddalena – e di virtù che non riesce a gestire in piena autonomia. Il mite Gesù è contrapposto da Saramago a Dio, suo padre per «improvvisi bisogni sessuali», un vero e proprio pazzo sanguinario alleato del Diavolo che usa l’inconsapevole figlio per accrescere il proprio potere sulla terra. 


. . . . .donne nude e mostri spaventosi, creature aberranti, lussuria e paura, ecco le armi con cui il Demonio tenta le povere vite degli uomini . . . .mi sono limitato a prendere ciò che Dion non ha voluto,la carne.con la sua gioia e la sua tristezza, la gioventu e la vecchiaia, la freschezza ed il marciume,non è vero che la paura sia una mia arma,non ricordo di essere stato io ad inventare il peccato ed il suo castigo, e la paura che lo accompanga sempre. Taci disse Dio spazientito,il peccato ed il Diavolo sono i due nomi della stessa cosa, che cosa, domandò Gesù?, la mia assenza,e l'assenza di te, a che cosa si deve, al fatto che ti sia ritirato tu o che si siano allontananti da te; Io non mi ritiro mai, ma consenti che ti abbandonino, Chi mi abbandona mi cerca, e se non ti trovala colpa ormai si sa è del Diavolo. . . .

Quest'ultimo paragrafo l'ho tratto dalla discussione che hanno Dio Padre, Gesù ed il Diavolo sulla barca nel lago di Tiberiade, giusto per fare capire quanto sia avvincente il testo; per quanto la scrittura di Saramago non sia semplice da intendersi poiché usa solo punti e virgole  per separare le frasi dette dell'uno o dall'altro, il tutto in lunghissimi periodi.  Ciò richiede una altissima concentrazione durante la lettura, ma le pagine di questo dialogo,  da sole valgono il Nobel che l'autore si è meritato.
Lascio ancora qualche aforisma tratto dal libro per convincervi ancora di più alla lettura



Il Bene e il Male non esistono in se stessi, ciascuno di essi è solo l'assenza dell'altro.

Forse i sogni sono i ricordi che l'anima ha del corpo.

Il destino è uno scrigno come altri non ne esistono, aperto e contemporaneamente chiuso, si guarda dentro e si può vedere quanto è successo, la vita passata, destino ormai compiuto, ma di quanto dovrà accadere non si ottiene niente, solo qualche presentimento, qualche intuizione.

Il sogno è quel pensiero che non si è avuto nel momento in cui era necessario.

Se daremo tempo al tempo, arriverà sempre il giorno in cui la verità diventerà menzogna e la menzogna si trasformerà in verità.

Capita spesso che non facciamo le domande perché non saremmo ancora pronti per udire le risposte, o semplicemente perché ne avremmo paura.

Un albero geme se lo tagliano, un cane guaisce se lo picchiano, un uomo cresce se lo offendono.

Le parole degli uomini sono come ombre, e le ombre non potrebbero mai spiegare la luce, fra le ombre e la luce c'è e si frappone il corpo opaco che le genera.

Nessuno ha compiuto tanti peccati in vita da meritare di morire due volte.

mercoledì 3 ottobre 2012

Too darn hot






Kiss Me Kate!
Per me, appassionato melomane,  fu una sorpresa, qualche anno fa in una frizzantina serata a Milano, imbattermi in questo meraviglioso Musical di Cole Porter.
Il Musical è liberamente ispirato alla Bisbetica Domata di Shakespeare di cui ne riprende la trama, aggiornata però all'America degli anni 30, fra Gangsters & pupe.
La serata era all'Auditorium di Corso Gottardo/Largo Mahler e sul podio, c'era uno schioppettante Wayne Marshall, a dirigere la talentuosissima orchestra Verdi. Godevo come un pazzo con questa musica, seguendo il tempo con mani e piedi.. . .impossibile stare fermi, così come gli orchestrali che mi sembravano alquanto divertiti ed elettrizzati da questa inebriantissima musica.
Questa versione scenicamente bellissima non trasmette però quella straripante scarica di energia di quella sera, prendiamola con beneficio di inventario.


The Story of Cappuccett Red

Per chi conosc' l'inglès 

THE BELLISSIM STORY OF CAPPUCCETT RED

 One mattin her mamma dissed: "Dear Cappuccett, take this cest to the nonn, but attention to the lup that is very ma very kattiv! And torn prest! Good luck! And in bocc at the lup!".
Cappuccett didn't capish very well this ultim thing but went away, da sol, with the cest.
Cammining cammining, in the cuor of the forest, at a cert punt she Incontered the lup, who dissed: "Hi! Piccula piezz'e girl! 'Ndove do you go?"
"To the nonn with this little cest, which is little but it is full of sacc of chocolate and biscots and panettons and more and mirtills", she dissed.
"Ah, mannagg 'a Maruschella (maybe an expression com: what a cul that had) dissed the lup, with a fium of saliv out of the bocc.
And so the lup dissed: "Beh, now I dev andar because the telephonin is squilling, sorry."
And the lup went away, but not very away, but to the nonn's House.
Cappuccett Red, who was very ma very lent, lent un casin, continued for her sentier in the forest.
The lup arrived at the house, suoned the campanel, entered, and after saluting the nonn, magned her in a boccon.
Then, after sputing the dentier, he indossed the ridicol night beret and fikked himself in the let.
When Cappuccett Red came to the fint nonn's house, suoned and entered.
But when the little and stupid girl saw the nonn (non was the nonn, but the lup, ricord?) dissed: "But nonn, why do you stay in let?".
And the nonn-lup: "Oh, I've stort my cavigl doing aerobics!".
"Oh, poor nonn!", said Cappuccett (she was more than stupid, I think, wasn't she?), then she dissed: "But...what big okks you have!! Do you bisogn some collir?".
"Oh, no! It's for see you better, my dear (stupid) little girl", dissed the nonn-lup.
Then cappuccett, who was more dur than a block of marm: "But what Big oreks you have! Do you have the Orekkions?".
And the nonn-lup: "Oh, no! It is to ascolt you better".
And Cappuccett (that I think was now really rincoglionited) said: "But what big dents you have!".
And the lup, at this point dissed: "It is to magn you better!".
And magned really tutt quant the poor little girl. But (ta dah!) out of the house a simpatic, curious and innocent cacciatore of frod sented all and dissed: "Accident! A lup! Its pellicc vals a sac of solds". And so, spinted only for the compassion for the little girl, butted a terr many kils of volps, fringuells and conigls that he had ammazzed till that moment, imbracced the fucil, entered in the stanz and killed the lup. Then squarced his panz (being attent not to rovin the pellicc) and tired fora the nonn (still viv) and Cappuccett (still rincoglionited).
And so, at the end, the cacciator of frod vended the pellicc and guadagned honestly a sacc of solds.
The nonn magned tutt the leccornies that were in the cest.
And so, everybody lived felix and content (maybe not the lup!). :D

martedì 2 ottobre 2012

lunedì 1 ottobre 2012

Le autonomie locali ed il populismo spicciolo

Negli ultimi anni, la distanza fra cittadini ed istituzioni, per tutta una serie di motivi sociopolitici, è andata via via aumentando.
Il continuo emergere di scandali, privilegi iniqui e stipendi stellari, ben miscelato a droga, sesso e tangenti, ha portato al continuo aumento del gap fra società civile e mondo della politica, senza che nessuno, a partire dal Presidente della Repubblica, abbia almeno abbozzato un tentativo di limitare i danni. Dire che il Presidente sia il custode della Costituzione e non il responsabile della tenuta del Paese, per me è un pò poco.
Al di la di ciò, in questo frangente il Governo tecnico che ormai ha dato prova di essere più l'espressione delle oligarchie economiche, piuttosto che del popolo italiano che fa? Aumenta ancora di più questo gap passando ad una riforma delle autonomie locali.
la situazione attuale
Riforma che a mio modesto parere è più di facciata che di sostanza e che sancisce, semmai ce ne fosse bisogno, il fallimento totale del federalismo propugnato e strombazzato allegramente in tutti questi anni, che, condito di appelli al decentramento amministrativo ed alla sussidiarietà,  se ne va una volta per tutte a farsi benedire.
Che nel pieno di una crisi economica di impronta recessiva, si sentisse il bisogno di disorientare cittadini ed imprese, con ridefinizione di comuni e provincie, di ambiti territoriali e di competenze, dando vita all'ennesimo "casino" normativo tutto italiano, beh onestamente se ne poteva fare proprio a meno.
Se i padri della nostra Repubblica (di cultura e spessore morale ben diverso dall'attuale classe politica italiana) hanno fatto queste scelte,è perchè vedevano nel rapporto stato-cittadino un valore importante da preservare e migliorare nel tempo.
gli accorpamenti previsti
Creare macro provincie o aree metropolitane, equivale a ridurre la rappresentatività dei cittadini e delle imprese di molti punti, ci si trova ad essere relegati a dei numeri di codice fiscale o partita Iva, che ben poco possono interagire con chi li governa; casomai tocca solo subire.
La strategia secondo me doveva necessariamente essere diversa, e sicuramente più semplice da applicare, ovvero eliminare tutti i doppioni e l'accavallamento di competenze, affidando ambiti ben precisi a Provincie e Regioni, snellire i Consigli, riducendoli drasticamente di numero, eliminando commissioni e soprattutto imponendo dei limiti ferrei a stipendi e rimborsi per politici e dirigenti (2000/2500 euro al mese non sono forse più che sufficienti?). Una cura dimagrante anche al personale (da non rimpiazzare al pensionamento, nelle stesse entità) e un maggior ricorso all'informatizzazione (e soprattutto l'eliminazione di iter burocratici obsoleti, inutili e di stampo borbonico)  avrebbe permesso di ottenere un miglior risultato con minore fatica.
Invece adesso le istituzioni litigano, i comuni si strangolano con il patto di stabilità, i cittadini ricevono un pessimo servizio e si rendono conto sempre di più che contano sempre di meno.
Vedremo alle prossime elezioni quanto scelte così inique e così dolorose, peseranno sull'elettorato attivo.
Nel frattempo avremo i populisti che potranno invocare a gran voce, la chiusura delle Provincie e delle Regioni, non rendendosi conto che quelle che sono state delle grandi conquiste, che vanno quindi preservate e mantenute, non hanno niente a che spartire con i "carrozzoni" che sono diventate nel tempo.
La cura dimagrante va fatta nelle "strutture amministrative" non nel numero delle sedi!

domenica 30 settembre 2012

1^ Coppa auto e moto d'epoca

Il distretto Malpensa Nord Ticino organizza il 14 ottobre la

1^ Coppa auto e moto d'epoca




Alla scoperta dei paesaggi più caratteristici del territorio, attraverso un percorso entusiasmante e naturale, potrete degustare i sapori dei prodotti locali. E' consigliata la preiscrizione.
Vi aspettiamo numerosi!
La manifestazione si svolgerà in concomitanza con la Festa d’Autunno organizzata dai Quartieri San Rocco e San Bernardino di Somma Lombardo
Iscrizioni:
Auto € 20

Moto € 20
L’iscrizione comprende:
colazione, pranzo per il conducente e gadget
Pranzo copilota o accompagnatore € 10
Direttore di gara: Angelo Torriani
Il Direttore giudicherà le 3 vetture, e le 3 moto più
storiche.
Indirizzi utili per la preiscrizione:
Antonio: tel. 335/7435796
Angelo: tel. 335/7254603
Dino Lofano: tel. 339/8931769
email volontarisomma@gmail.com
Si raccomanda ai partecipanti di rispettare la tempistica per la
buona riuscita della gara.
La gara sarà svolta anche in caso di pioggia.
Con la collaborazione di:
Rally Sport Club
Volontari della Città di Somma Lombardo

Percorso fra i comuni di Somma Lombardo;Golasecca,Sesto Calende, Mornago,Varano Borghi,Mercallo e Angera


Ad Angera, per i conducenti delle auto  saranno serviti i pasti in piazza davanti al Municipio (se dovesse  piovere,  nell’aula consiliare)
 Verrà effettuato un mercatino dell’antiquariato (organizzato dalla Pro-loco) e verrà effettuato il mercato tradizionale sulla Allea.

A Mornago una piccola opera in vetro verrà distribuita ad ogni pilota
A Sesto Calende, sempre ad ogni pilota, un portachiavi “I love Sesto Calende”
Pasto per i conducenti delle moto: Pizza, bibita e caffè vicino la Piazza Berera




L'evento su Facebook 


Infine, le strade principali dove passerrano i veicoli:

- GOLASECCA  Via Maggio dove c'e la chiesa e il Bar Centrale

- VERGIATE       Rotonda tra Via Roma e Via Di Vittorio

- MORNAGO      Via Amatore Sciesa nella piazza della chiesa

- VARANO BORGHI  Piazza Matteotti

- MERCALLO     arrivano da Via Bagaglio e svoltano per tornare indietro in Via Roma

- ANGERA  Giardini lungo lago fronte Via provinciale dove c’é il Municipio

- SESTO CALENDE Piazza  De Cristoforis - lungo Ticino

- SOMMA LOMBARDO  piazza Mercato - Via Rimenbranze/via G.Giusti

venerdì 28 settembre 2012

Eravamo ragazzi e ci dicevano

condivido questo bellissimo post trovato su Tumblr, che condivido al 100%

Eravamo ragazzi e ci dicevano: “Studiate, sennò non sarete nessuno nella vita”. Studiammo. Dopo aver studiato ci dissero: “Ma non lo sapete che la laurea non serve a niente? Avreste fatto meglio a imparare un mestiere!”. Lo imparammo. Dopo averlo imparato ci dissero: “Che peccato però, tutto quello studio per finire a fare un mestiere?”. Ci convinsero e lasciammo perdere. Quando lasciammo perdere, rimanemmo ... Continua qui

mercoledì 26 settembre 2012

Les Iles Borromees

Adoro le Isole Borromee, l'isola Bella in particolare; giardini bellissimi che per le loro caratteristiche sono fra i miei preferiti al mondo: bellissimi di progettazione, arditissimi di realizzazione (per l'epoca) colpiscono per le loro terrazze affacciate sul punto più bello del lago Maggiore e per la ricchezza delle specie presenti. Una vera meraviglia da vedere insomma! Clicca sulla foto per andare alla galleria di immagini

Isole Borromee Stresa


Le foto sono state scattate qualche giorno prima della tromba d'aria che si è abbattuta sul Verbano provocando disastri e la distruzione quasi completa del bellissimo giardino di Villa Taranto a Pallanza.
Articolo qui


Quando Vitaliano VI Borromeo iniziò nel 1632 la costruzione del palazzo e dei giardini che le danno tuttora fama, l'Isola Bella altro non era che un lembo di terra e roccia abitata da pescatori. Palazzo e giardini furono concepiti come un'unica entità e l'isola prese così la forma di un immaginario vascello con la villa a prua e il giardino a poppa. Nella grande e maestosa dimora dei Borromeo un susseguirsi di sale arredate, con arazzi, mobili, statue, dipinti, stucchi porta alla frescura delle famose grotte a mosaico. 

Tele di noti artisti tra i quali il pittore napoletano Luca Giordano (1632-1705), il toscano Francesco Zuccarelli (1702-1788) e il fiammingo Pieter Mulier detto il Tempesta (1637 ca.-1701), occupano le pareti di eleganti e raffinati ambienti insieme a mobili di gran pregio, marmi, stucchi neoclassici, sculture e arazzi di produzione fiamminga del XV secolo.

Di grande interesse storico sono la Sala della Musica dove, nell'aprile 1935, si svolse la Conferenza di Stresa tra Mussolini, Laval e Mac Donald che avrebbe dovuto garantire la pace europea e la Sala di Napoleone che qui soggiornò accompagnato da Giuseppina Beauharnais (1797).
Terminata la visita alla dimora, si accede in quello che è considerato il più splendido e grandioso esempio di giardino barocco all'italiana. Molte le specie vegetali anche di provenienza esotica, tra le quali si aggirano in libertà pavoni bianchi dall'incantevole piumaggio.

Articolato in dieci terrazze digradanti, è abbellito da vasche, fontane, prospettive architettoniche e una moltitudine di statue risalenti alla seconda metà del Seicento rappresentanti personificazioni di fiumi, stagioni e venti.
 Costruito in tempi diversi, è comunque un insieme coerente di forma piramidale che culmina nella grande statua del Liocorno cavalcato da Amore.
Molti di questi "ambienti" sono delimitati da muraglie e balaustre sulle quali ancor oggi si intuiscono i punti da cui sgorgavano zampilli, fontane, cascatelle e giochi d'acqua.
Il clima, particolarmente mite, ha permesso la crescita di una vegetazione ricca di varietà e specie che qui hanno trovato il loro habitat. Fra azalee e rododendri, spalliere di pompelmi e arance amare, orchidee e piante carnivore, spicca la sagoma di un grosso canforo di più di duecento anni. Le piante esotiche vengono riposte durante la stagione invernale nella serra ottocentesca, inserita nel percorso di visita. Le rifiniture ricorrenti da marzo a settembre non lasciano mai il giardino privo di fascino e di colore. 
Qui il set completo

martedì 25 settembre 2012

I video di Floriade

Qui una raccolta di alcuni video su Floriade








Per una completa gallery di tutte le meraviglie architettoniche di Floriade approfondimento qui

lunedì 24 settembre 2012

MDNA Video integrale



Si vabbè, saranno pure delle riprese amatoriali un pò ruspanti, da prendere così come sono, però intanto è il Concerto Integrale! Bellissima l'idea di fare un unica regia di tutti i filmati amatoriali postati sul tubo, lavoro titanico! Aspettiamo intanto il DVD ufficiale, speriamo presto.
E comunque la signora Ciccone ha sempre talento da vendere! There's only one Queen , and she's Madonna:




E qui per non dimenticare il suo primo concerto in Italia a Torino. . .io c'ero!






Alla Ricerca di Gaudì

Barcellona 2011 A spasso per Barcellona alla ricerca di Gaudì

mercoledì 19 settembre 2012

i Brùsa Balùni da Galarà

La simpatica idea del mio amico Cesare che sabato sera ha rievocato simpaticamente un vecchio episodio della storia gallaratese (qui documentato) mi offre l'opportunità di spiegare ai non gallaratesi come abbiamo fatto secoli fa a meritarci questo soprannome.
Correva l'anno 1784, quando a febbraio dalla piazza Pasquè (ora piazza Garibaldi) degli ardimentosi fecero librare in volo un pallone aerostatico vuoto.
Forti di questo successo, i miei concittadini vollero ripetere il gesto ma stavolta in brughiera, davanti a un numeroso pubblico.
Sfortuna (o imperizia) volle, che il pallone stavolta si incendiò fra il  pubblico ludibrio, e fu così che i bostocchi iniziarono a prendere in giro i gallaratesi bollandoli come i "brùsa Balùni" (incendia palloni).
Per metterci una pezza allora nel 1791 si fece un altro esperimento e giusto per non smentire i bustocchi, anche questo pallone si incendiò nei pressi del campanile di San Francesco.
Nel 1865 invece nel velodromo della SGG, un arditissimo Cirillo Steffanini, fece il funambolo appeso ad un trapezio legato alla mongolfiera
Questa foto invece, risale al 9 febbraio 1908, quando dalla caserma di Viale Milano, tali Erminio Florio e Riccardo Lacroix, l'uno conduttore, l'altro passeggero partirono in mongolfiera atterrando felicemente a Vercelli. Essendo uno spettacolo raro a ripetersi, il pubblico per presenziare, pagò una lira di biglietto, fra i venduti poi si sorteggiò un automobile che vinse un tale Filippini.
Chissà adesso quando sarà la prossima sfida?

martedì 18 settembre 2012

Correndo all'alba

Qualcuno penserà che sono un pò naif o addirittura bohemien, ma a me per esser contento basta poco, o meglio, basta quello che altri considerano poco, ma che per me è tanto.
La fiaccolata del mio sci club, come al solito mi porta alla terrazza del Mosè al Sacro Monte di Varese alle prime luci dell'alba.
Anche se siamo reduci da una caldissima estate, fa già freschino la mattina, cosi sopra magliettina e shorts, ci vuole un leggero pile.
Lo spettacolo però che si apre davanti agli occhi ancora assonnati è però una meraviglia come poche, i primi raggi di sole incorniciano la provincia di Varese, quella provincia che qualche stolto vorrebbe cancellare con un colpo di spugna solo per fare una ripicca allo sbruffone col sigaro, così come se decenni di storia non contassero più nulla davanti al presunto risparmio di denari dei contribuenti (tutto da dimostrare).
Si vedono ancora come puntini, le luci che vanno da Brunate, al grande fabbricato del Seminario di Venegono per poi scendere verso Gallarate e Busto.
La via Sacra è li che mi aspetta,si accende la fiaccola nella Basilica di Santa Maria del Monte,benedizione,  foto di rito, e poi via , giù a rotta di collo per il selciato.
La luce viva della fiaccola fa ancora in tempo ad illuminare le foglie delle piante, si sente solo l'arietta leggera il il tonfo delle mie Nike sui sassi, silenzio, tranquillità assoluta e sublime, nessun rumore della città; così una curva, poi un altra, poi il primo rumore è il tranquillo vociare di un gruppone di pellegrini, che con le torce mi vengono incontro recitando il rosario, poi via ancora più giù, una curva poi un altra ed i polpacci che iniziano a friggere per lo sforzo; se penso che per quella via sono saliti con le carriole per costruire la Cappelle, il mio sforzo per quanto intenso, sembra ridicolo al confronto.
E intanto scendo, scendo ancora, incrociando pochi pellegrini che già a quell'ora affrontano la salita, vedo la prima cappella e non degno nemmeno di uno sguardo il Guttuso che rimane alle mie spalle, forse perché quell'opera sia a me che a molti varesini, non è mai entrata nel cuore, così forte, cosi stridente in quel contesto, così "acrilica" come dicono in tanti, sicuramente messa altrove avrebbe avuto più apprezzamenti e più attenzioni. . . . messa lì. . .lascia più che altro delle perplessità in chi la osserva.
Da lì alla prima cappella però il passo è breve e ci si avvicina al primo cambio, finiscono i ciottoli ed inizia l'asfalto, la magia finisce, l'incantesimo si rompe; le prime auto che salgono dal curvone mi ricordano che si torna nel contemporaneo, nel solito casino quotidiano, che chi ha costruito la Via Sacra secoli prima, nemmeno avrebbe immaginato.
Ora si corre,si va via veloci verso Gallarate, ma col cuore colmo di un emozione.
"Colma il tuo cor d'un palpito, ineffabile, vero, d'amor; e chiama poi quell'estasi, natura, amor, mistero, vita, Dio" (A Boito).
Quello è il palpito che ti mette la forza nelle gambe e l'aria nei polmoni, quello è ciò che ti rende la vita bella da vivere.

giovedì 13 settembre 2012

le origini della Crisi

Un paio di anni fa, incontrai un professore dell'Università Cattolica per delle docenze in ambito associativo. Al termine della nostra conversazione gli chiesi quale fosse la sua idea sulla crisi che iniziava a farsi sentire in maniera piuttosto pesante, la sua risposta , la trovo ben evidenziata in questi due articoli di cui allego la sintesi. Non sono un economista, ma la spiegazione non fa una grinza.

Nel New York Post , Charlie Gasparino coglie l'occasione per ricordare a tutti che i semi del nostro malessere economico sono stati piantati durante gli anni di Clinton.
Fondamentalmente sotto l'era Clinton davvero cominciò a crescere la bolla immobiliare, che rilasciò quantità epiche di sofferenze.
La storia che Gasparino racconta è fondamentalmente : il liberale Bill Clinton pensava di poter usare il Governo per dare a tutti una casa e naturalmente questo finì in un disastro.
Gasparino cita in particolare la controverisa del Community Reinvestment Act, uno spauracchio popolare conservatore.
       "Come fu possibile? Attraverso la rigorosa applicazione di mandati abitativi come il Community Reinvestment Act, e spronando giganti dei mutui Fannie Mae e Freddie Mac per fare prestiti a persone con basso rating (e acquistando crediti che erano stati fatti dalle banche e, più tardi, da "innovatori" come Countrywide).Il Dipartimento di Housing dettava le regole ai colossi dei mutui, che furono quindi costretti poi a recuperare fondi da destinare a copertura dei crediti ad alto rischio di insolvenza."
Ma non solo, in questo articolo di Joe Weisenthal si va oltre.


Nel sottoscrivere l’ordine del giorno dei repubblicani per la deregolamentazione del settore finanziario, capovolgendo le misure di garanzia del New Deal, il presidente Clinton ha perseguito politiche che a lungo andare hanno creato più danni all’economia americana di qualsiasi altro presidente nella storia degli Stati Uniti, a parte Herbert Hoover, il cui mandato è stato collegato alla Grande Depressione. ......
......  Fu Clinton che firmò la legge che capovolse il Glass-Steagall Act, il gioiello legislativo dell’Amministrazione di Franklin D. Roosevelt, progettato per impedire che le istituzioni finanziarie diventassero così grandi da fallire. Con la firma del Financial Services Modernization Act, che ha rotto il muro tra alta mortalità delle società di Wall Street e le banche di investimento al consumo, portandogli i risparmi della gente comune. Così se ne uscì Clinton nel 1999: «In sette anni abbiamo cercato di modernizzare l’economia … E oggi quello che stiamo facendo è la modernizzazione del settore dei servizi finanziari, abbattendo quelle leggi antiquate e concedendo nuovamente alle banche importanti, la loro autorevolezza». 
Il primo beneficiario di quella legge fu Citigroup, una società che fu il risultato di una fusione che sarebbe stata vietata dal Glass-Steagall Act. Dopo aver firmato la legge, Clinton consegnò una delle penne che aveva usato ad un raggiante Sandy Weill, futuro Amministratore Delegato di Citigroup, un caro amico e un sostenitore finanziario del presidente. Il segretario al Tesoro di Clinton, Robert Rubin, andò poi a fare per 15 milioni di dollari all’anno il manager in Citigroup, e si trovava in una posizione chiave quando la banca produsse quei pacchetti tossici di derivati ​​che l’avrebbero costretta a dichiarare bancarotta se i contribuenti statunitensi non l’avessero salvata.......
.........Un anno dopo, un paragrafo di quella stessa legge fu modificato dal Commodity Futures Modernization Act, che lo stesso Clinton firmò, e che esentava dal rispetto delle regole tutte le obbligazioni dei derivati e i credit default swap, che si sarebbero rivelati poi altamente tossici. Quella normativa portò all’esplosione del mercato non regolamentato dei mutui basati su strumenti finanziari, la principale fonte di malversazione del settore finanziario di cui Clinton si lamenta oggi. 
Nelle sue memorie, Clinton rende omaggio a Rubin come «uno dei migliori e più importanti segretari del Tesoro dai tempi di Alexander Hamilton». E’ stato scritto che nel 2004 Rubin, che era arrivato da Clinton da posizioni di rilievo nella Goldman Sachs, e si era trasferito poi in Citigroup, poteva essere già chiaramente identificato come qualcuno che aveva approfittato fortemente dei crediti ottenuti lavorando con Clinton per le politiche che aveva promosso in quel periodo. 
Battendo tutti i record, l’ex presidente Clinton ha rimosso in maniera profonda le sue responsabilità nella realizzazione del misfatto. Nel suo libro di memorie di mille pagine non vi è alcun riferimento alla liberalizzazione radicale dell’economia di cui si è reso artefice. Come dimostra con suo articolo su Newsweek, l’uomo è convinto che non ci siano problemi o contraddizioni da parte sua, e che il resto sia semplice chiacchericcio. Purtroppo, potrebbe avere ragione. [ L’articolo è stato pubblicato su diversi siti americani: The Huffington Post, The Nation, Truthdig.  Robert Scheeer è corrispondente e opinionista del Los Angeles Times ed autore di ‘The Great American Stickup: How Reagan Republicans and Clinton Democrats Enriched Wall Street While Mugging Main Street‘ (Nation Books) e ‘The Pornography of Power’.]

Qui invece un pò di dati 

image




household debt






LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...