martedì 16 ottobre 2012

Milàn l'è un gran Milàn


Cliccando sulle foto vedrete una bellissima galleria fotografica con una Milano di altri tempi.


I Bagni di Diana, 1906 Kursaal & Hotel Diana Corso Venezia, 1905 circa- da sinistra, i Palazzi Silvestri, Fontana e Arese viale Vittorio Veneto chiamato precedentemente viale Venezia Viale Piave nell'agosto 1943 dopo uno dei bombardamenti, con la gente che scappa via da Milano con ogni mezzo. Salone di palazzo Bolagnos Visconti durante un ballo dei primi del '900 Giardini Pubblici noleggio automobiline anni 50 il viadotto di corso Buenos Aires abbattuto nel 1934 Sant'Ambrogio nel '43 dopo i bombardamenti



A disen la cansun la nass a Napoli,
e certamen g'han minga tutti i tort.
Surriento, Margellina tutt'i popoli
i avran cantà almé un milliun de volt.
Mi speri che se offenderà nissun
se parlom un cicin anca de num.
O mia bela Madunina, che te brillet de luntan,
tuta d'ora e picinina, ti te dominet Milan.
Sota a ti se viv la vita, se sta mai cui man in man.
Canten tutt "luntan de Napoli se moeur",
ma po' i vegnen chi a Milan.
Ades ghè la cansun de Roma magica,
de Nina, er Cupolone e Rugantin;
se sbaten in del Tever, roba tragica,
esageren, me par, un cicinin.
Sperem che vegna minga la mania
de metes a cantà "Malano mia".
O mia bela Madunina, che te brillet de luntan,
tuta d'ora e picinina, ti te dominet Milan.
Si vegnì sensa paura, num ves lungarem la man.
Tutt el mond a l'è paes, e semm d'accord,
ma Milan, l'è on gran Milan

Oh mia bela Madunina  è una canzone composta in parole e musica da Giovanni D'Anzi nel 1935.

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...